«L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.»

Dato che l’Italia è una Repubblica democratica, la sovranità, ossia il potere fondamentale dello Stato appartiene agli stessi Italiani.

ITALIA SOVRANA

La Sovranità appartiene al Popolo Italiano

Preparatevi al peggio! Adesso la censura sarà più repressiva e intollerante: ve lo dimostro – Fusaro

La svolta autoritaria che sta caratterizzando il modo della produzione capitalistico negli ultimi tempi, e che l’ #emergenza epidemiologica del #covid ha potenziato con incredibile tempismo, trova un suo preciso riscontro anche e non secondariamente nella crescente limitazione degli spazi di #libertà consentiti dall’ordine del discorso dominante.

Il nostro si candida, così, a diventare il primo tempo in cui la problematizzazione critica e il dubbio socratico in quanto tali siano ostracizzati con la fortunata quanto sciocca categoria di “#complottismo“, ripetuta pappagallescamente dal gregge addomesticato degli ultimi uomini della civiltà di massa. Con la categoria di complottismo, peraltro, non si fa altro che negare il diritto di esistenza a ogni discorso che non coincida millimetricamente con quello che si pretende vero, perché così han deciso i gruppi dominanti. Insomma, è ora di farsene una ragione e di ammetterlo apertamente: anche l’ordine neoliberale sa essere repressivo e intollerante, proprio come le forme che siamo soliti definire, in relazione al ‘900, totalitarie. Il 2021, che si era inaugurato con l’esilio forzato dalle reti sociali addirittura per il presidente uscente degli Stati Uniti d’America Donald #Trump, prosegue ora con coerenza con la censura dei libri (estromessi dalle librerie) che osino criticare il nuovo ordine erotico propugnato dal #ddlZan, come è infatti accaduto in questi giorni, e poi anche con la #bufera in #Rai, di cui tanto si discute; bufera cagionata da una trasmissione, su #Raidue, che ha avuto l’ardire di criticare quel mirabile paradiso che solo può essere osannato e che va sotto il glorioso nome di #UnioneEuropea. “Intollerabile, serve un cambiamento radicale”: non è una frase estrapolata da un processo della Santa Inquisizione, magari culminato con il rogo dello sventurato eretico di turno; è invece, secondo quanto riportato da” La Stampa” di Torino, il commento illuminato del sempre lucido e riflessivo segretario del “#partitodemocratico” – mai nome fu più orwelliano – Enrico #Letta.

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *