«L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.»

Dato che l’Italia è una Repubblica democratica, la sovranità, ossia il potere fondamentale dello Stato appartiene agli stessi Italiani.

ITALIA SOVRANA

La Sovranità appartiene al Popolo Italiano

Coste italiane sotto il mirino: i predatori della finanza internazionale si preparano all’attacco

Questo vuole essere un appello ai tanti #parlamentari​ che ci leggono e a tutti i membri delle istituzioni: c’è bisogno di agire immediatamente per tutelare le problematiche del #settorebalneare​. E non mi riferisco solo ai danni subiti dal settore a causa della #pandemia​ in questi ultimi due anni, ma alle problematiche che riguardano il futuro di questo comparto relativi alle concessioni messe in serio pericolo dagli effetti della direttiva #Bolkestein​ e dalla procedura di infrazione avviata alla fine dello scorso anno da parte della #CommissioneEuropea​ nei confronti dell’Italia.

Bisogna assolutamente garantire un’estensione delle concessioni demaniali fino al 31 dicembre 2033, chiarendo che hanno ad oggetto un bene demaniale, e non la concessione di un servizio. In questo caso deve quindi valere la normativa nazionale che va applicata, non interpretata, e sulla cui base le concessioni sarebbero già estese fino al 2033. Questo significherebbe evitare e prevenire ulteriori contenziosi tra comuni e operatori privati. Il #settorebalneare​ è strategico per la nostra economia. Io parlo da #Napoli​, dove questo settore andrebbe rilanciato anche a fronte di investimenti pubblici e privati per salvaguardare e valorizzare le nostre coste. E invece che succede? Che sono a rischio concessioni demaniali anche in Costa d’#Amalfi​, #Positano​, #Capri​, #Sorrento​. La questione del rinnovo di queste concessioni è oggetto di continui pronunciamenti del giudice amministrativo. Bisogna porre fine a queste continue interpretazioni della #legge​. Occorre mettere un argine alle mire predatorie da parte di soggetti esteri che hanno da tempo messo nel mirino anche i nostri stabilimenti, che la pandemia rischia di servirgli su un piatto d’argento. Facciamo attenzione, perché se il nostro mare ha la fortuna per i bagnanti di non essere infestato da squali, tutto intorno ci sono i predatori della #finanza​ internazionale hanno sentito l’odore del “sangue” dei gestori degli stabilimenti. Giù le mani dalle concessioni demaniali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *