«L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.»

Dato che l’Italia è una Repubblica democratica, la sovranità, ossia il potere fondamentale dello Stato appartiene agli stessi Italiani.

ITALIA SOVRANA

La Sovranità appartiene al Popolo Italiano

Salvini cala la maschera: le sue parole su Draghi sono surreali. Ecco a voi il vero volto della Lega

“Se #Draghi​ sarà candidato al Quirinale, lo sosterremo”. Sono queste, secondo quanto ci viene riferito dal Corriere della Sera le surreali parole di #MatteoSalvini​. Con queste parole, credo che possa dirsi definitivamente caduta una volta per sempre la maschera della #Lega​. Lega che ha ormai dimostrato in forma inconfutabile il proprio posizionamento reale nel diagramma dei rapporti di forza.

Guardato retrospettivamente, il percorso del partito che fu di #Bossi​ e poi divenne di Salvini appare quasi coerente nella sua incoerenza. Come noto, la #LegaNord​ fu in origine il partito che propugnava la secessione della fantomatica #Padania​ dal resto dell’Italia. Poi, con metamorfosi repentina, la Lega Nord divenne in un batter d’occhio ciò contro cui aveva fino a quel momento combattuto: un partito “sovranista”, come si principiò a dire dopo il 2010. Il fuoco prospettico del dire e del fare della Lega doveva ora orbitare intorno alla difesa a oltranza della sovranità nazionale contro le ingerenze a nord di #Bruxelles​ e a sud dell’Africa. Il vecchio motto, “prima quelli del Nord”, fu senza troppa fantasia mutato nel nuovo “prima gli italiani”. Questo tortuoso percorso, nella sua contraddittorietà, basterebbe già a chiarire l’entità del partito di cui stiamo parlando, nonché ovviamente la sua verace natura trasformista e cangiante a seconda dei venti. Vero è che solo gli sciocchi non cambiano mai idea: ma come qualificare quelli che ogni due minuti le cambiano e, come se ciò non bastasse, aderiscono di punto in bianco alle idee che fino al giorno prima combattevano? Eppure, la metamorfosi della Lega, prima secessionista e poi sovranista, ancora non era compiuta. Si è definitivamente consumata nell’ultimo anno, allorché la Lega di Salvini si è scoperta addirittura partito delle ragioni dell’#UnioneEuropea​ e del supporto all’euroinomane più impenitente, l’ex #GoldmanSachs​ ed ex #BCE​ Mario Draghi.

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *